0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

3 | Sulla generazione Precaria

L'editoriale di presentazione del terzo numero di Prismag e una selezione di articoli sfogliabili. La versione completa è disponibile per gli abbonati

Clicca qui per la versione per cellulari, a pagine singole

Vuoi acquistare questo numero? Clicca qui!

Editoriale di presentazione (di Francesco Stati)

Fragili, dal futuro incerto, con contratti di lavoro al ribasso, figli di un mondo sempre più conflittuale. C’è chi chiama la generazione dei nati dal 1996 in poi GenZ, generazione Zeta. Noi proponiamo una nomenclatura diversa: GenP, generazione Precaria. Precaria nella vita, nelle relazioni, nella salute, nei diritti negati e nel lavoro, un po’ come i poco più grandi Millennial. Quelli del «ti vogliamo a tempo pieno, ma a partita Iva»; «in pensione mai»; «il riscaldamento globale? Un’esagerazione»; «ti pago in visibilità».

Chi oggi si avvicina con sempre più ansia ai 30 anni è figlio o nipote di una generazione, quella del boom economico, che ha lasciato dietro sé un mondo incerto, inospitale e privo di opportunità. Mancano incentivi, occasioni, paghe all’altezza, perfino nel settore pubblico. A risentirne, spesso, è la salute mentale, carenza sempre più trasversale del nostro tempo, ma anche l’arrivo del benessere economico, che si sposta sempre più in là negli anni. 

E come si è posto rimedio in Italia? Non con sostegni e agevolazioni, ma “allungando” la giovinezza. Nel nostro Paese si è adulti dopo i 35 anni. Nei Paesi ricchi, in media, non si va oltre i 26, 29 quando va male. Un modo per uno Stato inefficiente e vecchio di deresponsabilizzarsi e dare una giustificazione a quelle aziende per cui, finché sei giovane, la giusta paga «non è una priorità». Nel frattempo, le guerre in giro per il mondo flagellano le nuove generazioni delle aree colpite e contribuiscono alla crescente instabilità del presente e del futuro di tutti.

Con il nostro terzo numero vogliamo dare una voce a questa generazione. Lo facciamo raccontando le crisi di insegnanti, operai, giornalisti, lavoratori dello spettacolo, indagando il racconto del precariato nell’arte, parlando delle storie dimenticate dei giovani serbi e del Tigray, dell’emergenza in Palestina e di quei ragazzi che, delusi dalla loro patria, scelgono di abbracciare l’estremismo. Questo e molto altro con l’obiettivo di lanciare un moderno j’accuse: c’è una generazione che non si arrende e lotta. Non tanto per avere un futuro, ma per prendersi il presente che le spetta.

Articoli correlati

Il conflitto israeliano e l’istruzione negata in Palestina

A Gaza la situazione umanitaria è drammatica e anche nei territori palestinesi occupati il diritto all’educazione è sotto attacco. Amnesty International ha redatto un rapporto secondo cui le autorità israeliane stanno mettendo in atto un sistema di apartheid nei confronti dei palestinesi che vivono nelle zone sotto il loro controllo

Generazione Peter Pan: quei giovani italiani che non riescono a diventare grandi

A che età si diventa adulti? In Italia, a 35 anni. È una cifra arbitraria che ha tuttavia un peso notevole nell’esclusione sociale dei giovani del nostro Paese. Abbiamo parlato con sociologi, giovani e politici per comprendere meglio questo fenomeno

Il diritto al lavoro nell’era del precariato

Il mercato del lavoro è caratterizzato da precarietà e forme contrattuali flessibili. Il lavoratore è tutelato dalla legge? Ecco come si è arrivati a questo punto, dove il futuro appare sempre più incerto

Il posto fisso non sembra più così tanto figo

La pubblica amministrazione ha bisogno di attrarre le nuove generazioni. Per riuscirci, deve prima chiedersi cosa cercano nel mondo del lavoro. Abbiamo parlato di giovani e posto fisso con l’esperta di pubblico impiego Anna Grillo e con l’amministratore delegato di Forum PA, Gianni Dominici

Impatto ambientale, tutela della salute e precarietà

La tutela della salute dei lavoratori e la questione ambientale vanno da sempre di pari passo. Ciononostante, oggi non solo viene spesso violato il diritto alla tutela della persona, ma anche rotto il già sottile equilibrio tra ambiente e intervento umano

Iscriviti a Rifrazione, la nostra newsletter

Mensile, breve, colorata. La nostra newsletter è pensata per essere poco invasiva e tenerti aggiornato sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori, una volta al mese