0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

3 | Sulla generazione Precaria

L'editoriale di presentazione del terzo numero di Prismag e una selezione di articoli sfogliabili. La versione completa è disponibile per gli abbonati

Clicca qui per la versione per cellulari, a pagine singole

Vuoi leggere questa uscita? Clicca qui o abbonati per avere tutti i nostri numeri!

Editoriale di presentazione (di Francesco Stati)

Fragili, dal futuro incerto, con contratti di lavoro al ribasso, figli di un mondo sempre più conflittuale. C’è chi chiama la generazione dei nati dal 1996 in poi GenZ, generazione Zeta. Noi proponiamo una nomenclatura diversa: GenP, generazione Precaria. Precaria nella vita, nelle relazioni, nella salute, nei diritti negati e nel lavoro, un po’ come i poco più grandi Millennial. Quelli del «ti vogliamo a tempo pieno, ma a partita Iva»; «in pensione mai»; «il riscaldamento globale? Un’esagerazione»; «ti pago in visibilità».

Chi oggi si avvicina con sempre più ansia ai 30 anni è figlio o nipote di una generazione, quella del boom economico, che ha lasciato dietro sé un mondo incerto, inospitale e privo di opportunità. Mancano incentivi, occasioni, paghe all’altezza, perfino nel settore pubblico. A risentirne, spesso, è la salute mentale, carenza sempre più trasversale del nostro tempo, ma anche l’arrivo del benessere economico, che si sposta sempre più in là negli anni. 

E come si è posto rimedio in Italia? Non con sostegni e agevolazioni, ma “allungando” la giovinezza. Nel nostro Paese si è adulti dopo i 35 anni. Nei Paesi ricchi, in media, non si va oltre i 26, 29 quando va male. Un modo per uno Stato inefficiente e vecchio di deresponsabilizzarsi e dare una giustificazione a quelle aziende per cui, finché sei giovane, la giusta paga «non è una priorità». Nel frattempo, le guerre in giro per il mondo flagellano le nuove generazioni delle aree colpite e contribuiscono alla crescente instabilità del presente e del futuro di tutti.

Con il nostro terzo numero vogliamo dare una voce a questa generazione. Lo facciamo raccontando le crisi di insegnanti, operai, giornalisti, lavoratori dello spettacolo, indagando il racconto del precariato nell’arte, parlando delle storie dimenticate dei giovani serbi e del Tigray, dell’emergenza in Palestina e di quei ragazzi che, delusi dalla loro patria, scelgono di abbracciare l’estremismo. Questo e molto altro con l’obiettivo di lanciare un moderno j’accuse: c’è una generazione che non si arrende e lotta. Non tanto per avere un futuro, ma per prendersi il presente che le spetta.

Unisciti a noi: abbonati!

In questo numero

Articoli correlati

Figli di un mondo adulto fragile

La fotografia dei giovani tra i diciotto e i trentaquattro anni restituisce l’immagine di una generazione in equilibrio precario. Ma secondo il pedagogista Guido Tallone, «la vera fragilità oggi è negli adulti»

Portare il mostro a lavoro: la salute mentale nel precariato

L’instabilità occupazionale influenza la salute mentale dei giovani e la loro possibilità di immaginare il futuro. Ne abbiamo parlato con Eva, che ha frequentato il Centro diurno per la salute mentale dell’Asl Roma 2, e Francesca Carrani, specializzanda in Psichiatria

Voci di una generazione: la Serbia tra speranze, delusioni e un futuro incerto

In Serbia, in migliaia, delusi dai risultati elettorali, sono scesi in strada richiamando la memoria delle proteste anti-Milošević di fine anni Novanta. Sono soprattutto i più giovani che, dopo le speranze di avvicinamento all’Ue, vedono il loro futuro incerto in un Paese dominato dal Partito Progressista Serbo

Helmut racconta: i Ragazzi del ’99, generazione precaria e perduta

Helmut racconta è la rubrica di Prismag sul mondo storico-militare

Sfruttati, sottopagati, invisibili: la precarietà dei giornalisti italiani

C’è chi scrive per intrattenerci durante gli scrolling quotidiani, chi sta nelle agenzie di stampa per informarci e chi fa reportage per mostrarci cosa accade nel mondo. Sono i giornalisti e le giornaliste in Italia che appartengono a un’unica generazione, quella precaria

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!