0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

1 | Sul conflitto

L'editoriale di presentazione del primo numero di Prismag e una selezione di articoli sfogliabili. La versione completa è disponibile per gli abbonati

Clicca qui per la versione per cellulari, a pagina singola

Vuoi leggere questa uscita? Clicca qui o abbonati per avere tutti i nostri numeri!

Editoriale di presentazione (di Francesco Stati)

Il ventunesimo secolo, o l’era della conflittualità. Rotta l’illusione che la Storia fosse davvero finita con la Guerra fredda, come teorizzava negli anni Novanta il politologo Francis Fukuyama, ci siamo svegliati un anno e mezzo fa con la guerra tornata alle porte dell’Europa, settant’anni dopo. Ieri la Russia di Putin attaccava l’Ucraina; oggi, nel vicino Oriente, facciamo i conti con la recrudescenza di un conflitto mai risolto che non solo riguarda la Terra promessa e chi la abita, ma attraversa e spacca tutti noi, schierati in fazioni opposte.

A complicare un quadro già complesso ci ha pensato l’avvento dei social media. Degenerazione algoritmica dei social network, nati per unire persone altrimenti lontane, le creature dei vari Musk, Zuckerberg e soci hanno preso in ostaggio cittadini, istituzioni e giornali: amici fraterni che si dividono sulla questione palestinese a colpi di storie Instagram, politici che si prendono a male parole su X, direttori di testata che dileggiano avversari usando un lessico da quarta elementare su Facebook, profili falsi costruiti ad arte per seminare odio e zizzania in tutta la rete. In mezzo a questa carneficina, tra foto di corpi irrealisticamente belli e bullismo online che si fa sempre più reale, ci sono le persone, ci siamo noi. E nelle crepe, nelle ferite aperte dai conflitti si infilano mali invisibili le cui conseguenze possono essere fatali. «Abbiamo frammentato», per dirla come il rapper Marracash nel suo Noi, loro, gli altri; non è detto che questa tendenza all’atomizzazione sociale sia reversibile.

Questo numero di Prismag (il primo) prova a rimettere insieme i pezzi di un quadro così poco rassicurante. Lo fa con oltre 150 pagine di storie, interviste, grafiche, notizie che non leggerai altrove. Lo fa sotto le Feste, un periodo dell’anno dove le divisioni si stemperano sotto un albero addobbato, seduti in famiglia davanti una tavola imbandita. In un contesto sempre più preda del caos, crediamo che sia fondamentale fermarsi, leggere, informarsi sui molteplici conflitti che ci circondano. Obiettivo, non finire nel tritacarne della conflittualità, provando a fare ordine con approfondimenti, interviste, storie. Fare luce sulle fratture della società, sulla narrazione delle guerre guerreggiate e su quelle combattute in rete, oltre che su quelle dentro di noi.

Ci trovi una volta al mese sul nostro sito web e in versione cartacea.

Unisciti a noi: abbonati!

In questo numero

Articoli correlati

L’incontro-scontro tra noi e le macchine

Chi è il vero robot? L’uomo impigrito che delega alle macchine o quest’ultime, progettate per agire senza pensare? Lo abbiamo chiesto a Massimiano Bucchi, divulgatore e docente universitario

Lo Stato non può scegliere chi amo

Orientamento sessuale, identità di genere e caratteri sessuali sono una delle cause principali di esclusione sociale ed economica nel mondo attuale. Uno scontro continuo non solo con gli altri, ma spesso, come ci raccontano Marta ed Elettra, anche con il proprio Paese

La guerra come necessità: storia del Rapporto da Iron Mountain

Come Il rapporto da Iron Mountain, libro satirico su guerra e pace, dice molto di più sulla lotta tra vero e falso. «Vogliamo essere coccolati nei nostri pregiudizi», spiega a Prismag il saggista Errico Buonanno

Né influencer, né superstar: attivisti a tutti i costi

Quello dell’attivista è il ruolo più richiesto sui social. Poco importa che sia o no una performance – c’è un disperato bisogno di credere in qualcuno che ci dica ad alta voce ciò che riteniamo giusto

No, bombardare la Striscia non è la soluzione del conflitto

I bombardamenti sulla popolazione civile non solo sono inutili per risolvere il conflitto, ma vìolano le norme internazionali. Lo spiegano Marco Longobardo, docente ed esperto di diritto internazionale, e Riccardo Noury, portavoce italiano di Amnesty International

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!