0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Helmut racconta: il possibile conflitto interplanetario

Helmut racconta è la rubrica di Prismag sul mondo storico-militare

In un certo senso, questa l’ho vissuta in prima persona e me la ricordo bene. Erano gli anni della Guerra fredda. Le due superpotenze, Stati Uniti e Unione Sovietica, erano impegnate non solo nella corsa agli armamenti, ma anche in quella spaziale. Ma se mai si fossero trovate forme di vita aliene e, se mai, fossero state a noi umani ostili, cosa sarebbe successo? Forse un possibile conflitto interplanetario?

Nessuno prima si era – a ragione – posto questa domanda. Il presidente statunitense Ronald Reagan era notoriamente un fan dei racconti di fantascienza e, forse, la sua passione (e la sua paranoia) aveva passato il segno. In un incontro a Ginevra nel 1985 con il suo omologo sovietico Michail Gorbačëv per discutere di armamenti, questi fu preso da una singolare preoccupazione. Una preoccupazione che rimase segreta fino al 2009, momento in cui l’ultimo presidente dell’Urss svelò la conversazione tenutasi con il collega a stelle e strisce.

Reagan, tra il serio e il faceto, chiese qualcosa come: «Cosa fareste se gli Stati Uniti venissero attaccati da qualcuno dallo spazio profondo? Voi ci aiutereste?». Gorbačëv rispose affermativamente, sancendo così un informale patto che, speriamo, non debba mai essere messo in atto. Del resto, chi si sarebbe potuto immaginare un conflitto interplanetario nucleare? E, soprattutto, che armi avrebbero potuto avere a disposizione gli avversari alieni? Meglio non saperlo.

Ci “leggiamo” alla prossima storia,

il vostro Starszy Kapral Helmut

Articoli correlati

L’incontro-scontro tra noi e le macchine

Chi è il vero robot? L’uomo impigrito che delega alle macchine o quest’ultime, progettate per agire senza pensare? Lo abbiamo chiesto a Massimiano Bucchi, divulgatore e docente universitario

Hermoso-Rubiales, la violenza di genere va in mondovisione

Quest'estate la Spagna femminile ha vinto il Mondiale di calcio, ma l'immagine che ha fatto il giro del mondo è quella di una molestia. Ne abbiamo parlato con la giornalista sportiva Marialaura Scatena

Effetto valanga. Come ci siamo ritrovati tutti contro tutti

Nel giro di quindici anni, il dibattito pubblico è diventato lo spazio di una guerra tra bande su ogni argomento. Per via della bancarotta economica, dell'impotenza della politica e dell'ascesa e caduta di internet. Raffaele Alberto Ventura e Davide Piacenza raccontano l'epoca della polarizzazione

No, bombardare la Striscia non è la soluzione del conflitto

I bombardamenti sulla popolazione civile non solo sono inutili per risolvere il conflitto, ma vìolano le norme internazionali. Lo spiegano Marco Longobardo, docente ed esperto di diritto internazionale, e Riccardo Noury, portavoce italiano di Amnesty International

Semi conduttori e oltre: la lotta per le materie prime

Stati Uniti e Cina sono in guerra per le tecnologie strategiche. La Cina è dipendente dagli Stati Uniti per i semiconduttori di alta gamma, mentre è il principale produttore e raffinatore mondiale di terre rare, di cui gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno estremo bisogno per la transizione energetica

Iscriviti a Rifrazione, la nostra newsletter

Mensile, breve, colorata. La nostra newsletter è pensata per essere poco invasiva e tenerti aggiornato sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori, una volta al mese