0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

4 | Sulla donna

L'editoriale di presentazione del quarto numero di Prismag e una selezione di articoli sfogliabili. La versione completa è disponibile per gli abbonati

Vuoi acquistare questa uscita? Clicca qui o abbonati per leggere tutti i nostri numeri!

Editoriale di presentazione (di Roberta Nutricati)

In Italia la questione femminile e il filone degli studi di genere stanno guadagnando terreno, anche al di fuori delle bolle femministe, con una marcia pacifica ma che vuole fare rumore fuori dalle stanze insonorizzate del patriarcato. Se però a disquisire del ruolo delle donne e dei loro diritti – che passano da un canale stretto e buio, come quello da cui ogni individuo viene al mondo – sono solo (o soprattutto) gli uomini, questo risultato è una vittoria di Pirro.

E allora, per questo mese di slogan al gusto di pinkwashing, Prismag non vuole festeggiare un bel niente, ma onorare il valore storico del tragico evento da cui è nata la giornata dell’8 marzo, sviscerando tutte le dimensioni di lotta delle donne per esistere nella società, prendersi spazio e ridisegnare le (inique) dinamiche di potere. Con storie, dati, grafici e immagini che raccontano la vita delle donne di oggi e di ieri, dalla penna delle sole autrici di questo progetto editoriale, al servizio delle voci e delle esperienze di altre donne che si battono per risemantizzare lo spazio pubblico che occuperanno le sorelle di domani. 

«Gli uomini guardano le donne. Le donne guardano loro stesse mentre vengono guardate», scriveva John Berger in Questione di sguardi, descrivendo la fatica di liberarsi dall’oggettificazione maschile, che si nutre del culto dell’apparenza. Intanto, corpi desiderabili e performanti cannibalizzano i feed social sindacando su stili di vita e alimentazione, per monetizzare attraverso pubblicità occulta – legata a doppio filo con gli addetti ai lavori della salute alimentare – sulla frustrazione di avere un corpo non conforme a un presunto standard o auto-percepito come inadeguato. 

Il controllo sull’autodeterminazione delle donne non risparmia nessuna forma di violenza. Da quella sui diritti riproduttivi – che in Polonia, come in Italia, vive un ostruzionismo di ritorno – a quella ostetrica, che subisce una partoriente su tre, fino alle peggiori pratiche mediche non consensuali di episiotomia e husband stitch. Nei casi più gravi, l’abuso si innesta su un piano di discriminazione che interseca l’appartenenza a più comunità marginalizzate: un fattore di rischio reale secondo le testimonianze di donne neurodivergenti vittime di violenza. Le molestie poi, in alcuni luoghi di lavoro sembrano endemiche, ma fare rete si sta rivelando il modo migliore per stigmatizzare questa sopraffazione.

Senza dimenticare la causa Cenerentola, grande assente dal dibattito mainstream: la violenza economica. La forma più subdola, e quindi normalizzata, anche dalle donne stesse, immerse a tal punto nel retaggio per cui “i soldi sono cose da uomini” da autoescludersi dalla loro gestione. È la stessa dinamica di maschilismo interiorizzato per cui si chiede di perdonare il catcalling o molestie simili agite in pubblico – persino elevate a complimenti di cui sentirsi lusingate – tanto da convincere le vittime di essere portatrici sane di istigazione a legittimi istinti primordiali. «No, non tutti gli uomini», dicono loro. Noi rispondiamo: «Sì, tutte le donne».

Unisciti a noi: abbonati!

In questo numero

Articoli correlati

A che punto siamo con le ragazze? Giornalismo e (dis)parità di genere

Nel 2024 la stampa italiana è ancora permeata dalle disuguaglianze di genere. Le donne nelle redazioni sono tante, ma non riescono a raggiungere posizioni apicali. L’unico modo per sfondare il soffitto di cristallo è farlo tutte insieme

Come ti influenzo la dieta

La responsabilità sociale dei nutrizionisti influencer, tra sponsor occulti, prodotti dietetici, danni alla salute e risorse preziose

La condizione femminile in Ruanda: tra l’emancipazione e la violenza di genere

Dopo il genocidio del 1994, le donne ruandesi hanno giocato un ruolo chiave nella ricostruzione del Paese, arrivando a occupare il 64 per cento dei posti governativi. Nonostante ciò, la disparità socioeconomica e la violenza di genere rimangono problemi significativi

Storia di Marguerite Higgins, la cronista che rese il giornalismo di guerra accessibile alle donne

Corrispondente di guerra che coprì la Seconda guerra mondiale, la guerra in Corea e quella in Vietnam, nel 1951 Higgins fu la prima donna a vincere il premio Pulitzer per il giornalismo internazionale

Quando la molestia è quotidiana

Si parla di molestie nei confronti delle donne come casi isolati, messe in atto da uomini definiti “mostri”. La realtà, invece, racconta che una donna subisce molestie ogni singolo giorno, di diverso tipo

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!