0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Paola Riccora, la “casalinga” che scoprì De Filippo

Articolo a pagamento

Lo sappiamo: il paywall è odioso.
Ma il nostro giornale vive solo grazie ai suoi lettori.
Per questo alcuni nostri articoli, come questo, sono riservati a chi acquista la nostra rivista e si abbona. Diamo ai nostri abbonati la rivista completa, con notizie originali e fonti e voci esclusive.
Cerchiamo di essere più indipendenti possibili perché crediamo che solo così possiamo garantire ai lettori un'informazione priva di condizionamenti.
Se anche tu credi nella nostra missione, unisciti a noi acquistando una copia o abbonandoti al progetto!

Se hai già acquistato il numero o un abbonamento, accedi qui.

Articoli correlati

«Esisto ancora?». Donne che scompaiono con la loro giovinezza

Restare giovani per sempre è impossibile, ma per le donne può diventare un obbligo. Dalle rappresentazioni dei media alla medicina estetica, l’importanza che viene data alla bellezza femminile rivela i rapporti di potere all’interno della società

Pensati autistica: intervista a due donne autistiche

Cosa significa essere donne autistiche? Esiste un fenotipo femminile? Ne abbiamo parlato con Valentina Pasin e due donne autistiche

Le donne in Polonia non abbassano la guardia: la lotta per i diritti riproduttivi continua

La lotta delle donne in Polonia per i loro diritti riproduttivi continua, nonostante le promesse di liberalizzazione dell’aborto fatte dal primo ministro Tusk. L’eredità del movimento di protesta delle donne contro le restrizioni sull’interruzione volontaria di gravidanza si è riversata nelle urne, nonostante la reazione conservatrice, nutrendo le speranze per un futuro diverso per il Paese

L’ambientalismo è donna

In un mondo in cui la popolazione ha ancora bisogno di essere sensibilizzata sulla questione ambientale, emerge una disparità di genere molto diversa dalle altre. Questa volta non a sfavore delle donne

Le donne iraniane hanno un grande alleato: gli uomini

L’unico modo per non far vincere il banco è l’alleanza. Tra etnie diverse, tra culture diverse, tra generi diversi. Lo sanno bene la fondatrice e presidente di Manaà, Rayhane Tabrizi, e il fondatore di Donna Vita Libertà, Pedram Entezar. I due attivisti ci hanno raccontato la violenza che caratterizza il regime del loro Paese d’origine, l’Iran. Lì il corpo della donna è il principale campo di battaglia. Ma le donne non sono lasciate sole: gli uomini si battono insieme a loro

Iscriviti a Rifrazione, la nostra newsletter

Mensile, breve, colorata. La nostra newsletter è pensata per essere poco invasiva e tenerti aggiornato sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori, una volta al mese