0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Helmut racconta: l’orgoglio afroamericano della Red Ball Express

Helmut racconta è la rubrica di Prismag sul mondo storico-militare

Care lettrici e cari lettori, sono sempre io, il vostro Starszy Kapral Helmut. Sono stato un caporal maggiore del nucleo Nbc dell’esercito della Polska Rzeczpospolita Ludowa, la Repubblica Popolare di Polonia, durante la Guerra fredda. Dopo sminamenti e bonifiche di aree radioattive mi hanno messo a riposo forzato nella fureria di Prismag, dove ho il compito di tenervi compagnia raccontando storie e curiosità a tema militare.

La storia di questo mese è quella di un gruppo di soldati orgogliosi sì di servire il proprio Paese durante la Seconda guerra mondiale, ma anche di essere afroamericani. Nel complesso scacchiere bellico del fronte occidentale all’indomani del D–Day, in Normandia, alle truppe alleate serviva urgente rifornimento di materiale bellico e viveri. 

Per agevolare queste operazioni, dal 25 agosto 1944, dopo solo trentasei ore di pianificazione, fu istituito il Red Ball Express, un sistema di trasporto su gomma che al suo apice gestiva circa seimila veicoli che trasportavano oltre dodicimila tonnellate di rifornimenti al giorno. Il termine red ball era usato dalla fine dell’Ottocento per indicare la ferrovia di Santa Fe, impiegata per la spedizione espressa di merci prioritarie e merci deperibili. Questi treni, infatti, erano contrassegnati con pallini rossi

Il comandante del servizio era il colonnello Loren Albert Ayers, noto ai suoi uomini come Little Patton: aveva l’incarico di designare due autisti per ogni camion, procurarsi attrezzature speciali e addestrare il personale come autisti per lunghi tragitti. Quasi tre quarti del personale della Red Ball Express erano afroamericani.

I convogli erano l’obiettivo primario della Luftwaffe, l’aviazione nazista, ma nel 1944 la potenza aerea tedesca era così ridotta che anche questi, nonostante fossero allettanti e facili bersagli, venivano raramente colpiti. I maggiori nemici degli autisti statunitensi erano la manutenzione dei mezzi, la ricerca di sufficiente personale e il sonno, lontano ricordo per i camionisti oberati di lavoro.

Il servizio di trasporto durò fino al 16 novembre, quando furono aperte le strutture portuali di Anversa, in Belgio, e furono riparate abbastanza linee ferroviarie francesi, distrutte dagli stessi alleati nelle settimane precedenti lo sbarco in Normandia.

La storia di questi singolari militari è raccontata nella pellicola L’autocolonna rossa del 1952, diretta da Budd Boetticher.

Ci “leggiamo” alla prossima storia,

il vostro Starszy Kapral Helmut

Articoli correlati

Azzurri, ma non ancora italiani: il limbo degli sportivi senza cittadinanza

Un milione di ragazzi nati in Italia devono attendere i 18 anni per richiedere documenti italiani. A loro si aggiungono tutti i minori arrivati da bambini nel nostro Paese. Un tema dibattuto e spesso riproposto dallo sport. Ne abbiamo parlato con Mauro Berruto, membro della segreteria nazionale del Partito democratico con delega allo sport

Quando (e quanto) bisogna lottare per esistere. Parla lo scrittore trans* Elia Bonci

Intervista a Elia Bonci, scrittore transgender e attivista intersezionale per i diritti della comunità Lgbtqia+ su cosa vuol dire abitare un corpo trans * oggi in Italia

Amare una patria da esule: la storia di Desbele, in fuga dall’Eritrea

L’orgoglio nazionale di Desbele, oppositore del regime eritreo, che non torna nel suo Paese da 23 anni

Abbiamo tutt* diritto al porno di qualità

Provateci voi a rimanere concentrati mentre leggete Ossì Fanzine. Non si tratta solo di un giornaletto porno, ma di un’utopia erotica fatta bene, scritta con i “controcazzi”. Anzi, no. Perché, benché i cazzi non manchino, l’obiettivo è uno: fare della letteratura porno un genere libero dal male gaze

«Si fa, ma non si dice». Tra pubblico e privato della storia Lgbtqia+

Al Centro di documentazione Aldo Mieli ripercorriamo la storia privata delle persone Lgbtqia+ nelle testimonianze fotografiche e documentali, in un viaggio che parte dall’Ottocento fino a oggi

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!