0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Helmut racconta: “abitare” nel 1944 durante i bombardamenti alleati

Helmut racconta è la rubrica di Prismag sul mondo storico-militare

Care lettrici e cari lettori, sono sempre io, il vostro Starszy Kapral Helmut. Sono stato un caporal maggiore del nucleo Nbc dell’esercito della Polska Rzeczpospolita Ludowa, la Repubblica Popolare di Polonia, durante la Guerra fredda. Dopo sminamenti e bonifiche di aree radioattive mi hanno messo a riposo forzato nella fureria di Prismag, dove ho il compito di tenervi compagnia raccontando storie e curiosità a tema militare.

La storia che voglio raccontarvi oggi potrebbe essere quella dei vostri nonni che hanno vissuto la Seconda guerra mondiale. È la storia di chi la guerra, per motivi anagrafici, non l’ha combattuta, ma l’ha vissuta in prima persona a casa propria

Nell’Italia post Armistizio, contesa fra tedeschi e forze alleate, a pagare il prezzo più caro sono stati i civili. Ogni nonna e nonno italiano ricordano certamente Pippo, nome con cui erano indicati gli aerei alleati che di notte bombardavano punti strategici per la logistica e la comunicazione, come fabbriche, ferrovie e ponti.

Gli abitanti delle città, più o meno piccole che fossero, si erano attrezzati come potevano per far fronte ai bombardamenti alleati. Ogni centro aveva dunque il proprio rifugio antiaereo, spesso abitabile, con tanto di corrente elettrica e servizi igienici. I rifugi potevano essere voluti e costruiti dalla popolazione oppure di proprietà del Regno, che già nel 1936 imponeva l’obbligo di designare un rifugio antiaereo in ciascuna abitazione di nuova costruzione. I rifugi potevano poi essere outdoor, scavati con gallerie sotterranee o all’interno di pareti rocciose.

Tutto questo avveniva ottant’anni fa: si stima che dal settembre 1943 all’aprile 1945 in Italia siano morti quasi quarantamila civili a causa dei bombardamenti alleati. La guerra aerea è stata violentissima per i civili nell’ultimo conflitto. Oggi lo è ancor di più, potendo gli eserciti avvalersi di strumenti di morte ancor più sofisticati e potenti. Non esistono bombe intelligenti, non esistono effetti collaterali accettabili. La guerra non è un videogioco e, quando le bombe cadono, sono sempre stupide e violente.

Pare che il genere umano non abbia capito la lezione… ma spero di sbagliarmi.

Ci “leggiamo” alla prossima storia,

il vostro Starszy Kapral Helmut


Questo articolo gratuito fa parte del Numero 5 | Sulla casa. Se ti è piaciuto e vuoi leggere altri contenuti come questo, acquista l’uscita di carta o in digitale o diventa parte dei nostri sostenitori!

Articoli correlati

Un desiderio chiamato tram. La mobilità sostenibile a Roma rimane un miraggio

Roma è la città più grande e popolosa d’Italia. Eppure, da anni fa i conti con una grossa crisi urbanistica: la carenza di mezzi pubblici. Ne abbiamo parlato con alcuni esperti

Città sicura: baby gang e micro criminalità

Il dibattito pubblico più recente si incentra sul fenomeno delle baby gang. Cosa si intende realmente, quali sono gli strumenti che la legge offre per arginare tale fenomeno e quali sono le iniziative per contrastarlo intraprese dal governo Meloni

La coabitazione intergenerazionale tra affitto e affetto

Studenti fuorisede con difficoltà a trovare una stanza a prezzi sostenibili e anziani soli hanno trovato una soluzione comune ai loro problemi: diventare coinquilini

Avere un tetto sulla testa: quando l’occupazione di immobile non costituisce reato

Avere un tetto sulla testa è sia un traguardo, sia un diritto della persona. Negli ultimi anni si è diffuso il fenomeno delle occupazioni abusive, con soggetti che, approfittando dell’assenza del proprietario, si stabiliscono in casa sua. Un comportamento non sempre perseguibile

Quando casa è dove parcheggi: la van life secondo chi la vive

Molti influencer dipingono la van life come via di fuga perfetta, ma non è tutto rose e fiori. Ne abbiamo parlato con chi la pratica.

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!