0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Helmut racconta: Festung Europa, la Fortezza Europa

Helmut racconta è la rubrica di Prismag sul mondo storico-militare

Care lettrici e cari lettori, sono sempre io, il vostro Starszy Kapral Helmut. Sono stato un caporal maggiore del nucleo Nbc dell’esercito della Polska Rzeczpospolita Ludowa, la Repubblica Popolare di Polonia, durante la Guerra fredda. Dopo sminamenti e bonifiche di aree radioattive mi hanno messo a riposo forzato nella fureria di Prismag, dove ho il compito di tenervi compagnia raccontando storie e curiosità a tema militare.

1942, nel pieno della Seconda guerra mondiale. L’Europa era sotto il dominio, diretto o indiretto, delle potenze dell’Asse per un’area di circa quattro milioni e mezzo di chilometri quadrati. Hitler bombardava incessantemente i territori del Regno Unito, credendosi erroneamente al riparo dai bombardamenti inglesi, protetto dalla Festung Europa, la Fortezza Europa. 

Per la propaganda del Reich, questa locuzione significava l’invulnerabilità militare e il dominio della Germania nazista sul continente europeo. La Festung, nei piani del Fürher, avrebbe dovuto scoraggiare e impedire qualsiasi tipo di invasione delle forze angloamericane, dando così la possibilità alla Wehrmacht di sconfiggere l’Unione Sovietica, non avendo minacce alle spalle.

Per gli inglesi, in particolare per la Royal Air Force (Raf), il significato era tutt’altro. La Raf indicava così le operazioni che gli aerei avrebbero compiuto contro la Germania e l’Italia nel periodo compreso tra la caduta della Francia, giugno 1940, e lo sbarco in Normandia, il D–Day del 6 giugno 1944.

La Festung Europa era difesa dal Vallo atlantico a ovest e da schieramenti armati a est che, nella mente del suo cancelliere, circondavano e difendevano il Reich millenario. La Storia dimostrò che Hitler aveva torto. Nel 1944 due gigantesche e contemporanee operazioni militari alleate avrebbero attaccato il Vecchio continente e posto le basi per la fine del conflitto: l’operazione Overlord angoamericana, iniziata il 6 giugno con lo sbarco sulle coste francesi, e l’operazione Bagration sovietica, che portò alla vittoria dell’Urss in Bielorussia, Ucraina e nella mia Polonia. In famiglia ne ho spesso sentito parlare, ma questo è un altro capitolo.

Ci “leggiamo” alla prossima storia,

il vostro Starszy Kapral Helmut

Articoli correlati

Politica estera e difesa comune, due passi verso gli Stati Uniti d’Europa

Si fa presto a parlare di un’Europa che, di fronte alle sfide immani del mondo odierno, procede a tentoni. Dietro lo stato delle cose c’è un cammino impervio, costellato di grandi successi e infausti rovesci. Abbiamo ripercorso un pezzo di questa storia con Piero Graglia, biografo di Altiero Spinelli

L’ambientalismo europeo al bivio del Green Deal

Con le elezioni europee alle porte si sente la necessità di una stabilità normativa in materia ambientale e si iniziano a fare i conti con gli obiettivi raggiunti e con quelli che sembrano invece dimenticati. Tra questi si inserisce il Green Deal, una normativa ormai a un bivio: è stato portatore di cambiamento e sostenibilità o è destinato a finire nel dimenticatoio?

La scomparsa dei Balcani: un viaggio nel cuore dimenticato d’Europa

Il libro di Francesco Ronchi esplora la scomparsa politica dei Balcani, trascurati da un’Europa che si è orientata verso est fino a inglobare gli ex Stati satelliti sovietici, lasciando così un grande vuoto nel proprio cuore geografico e storico. Ne abbiamo parlato con l’autore

L’Ai Act, i giganti del mondo e la sfida dell’intelligenza artificiale

La legge europea sull’intelligenza artificiale rappresenta un passo significativo verso la regolamentazione degli sviluppi nel settore a livello mondiale. L'Ue eccelle sotto l’aspetto normativo, mentre trascura la politica industriale. Usa e Cina si contendono la leadership strategica, tra libero mercato e statalismo

Il sogno dell’Europa attraverso lo sport: le storie degli atleti della Squadra Olimpica Rifugiati

L’Unhcr stima che al mondo ci siano 114 milioni di rifugiati, molti dei quali cercano in Europa una vita migliore. Tra loro anche tanti sportivi, che dal 2016 possono partecipare ai giochi olimpici con la Squadra Olimpica Rifugiati. Ne abbiamo parlato con gli atleti olimpionici Cindy Ngamba e Alireza Abbasi

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!