0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

Altro che Jack e Rose, il protagonista di Titanic è l’Oceano

Ventisei anni fa usciva nelle sale italiane il kolossal campione d’incassi e record di Oscar. Abbagliati da Jack e Rose, forse non ci siamo ancora accorti della verità

Ammettiamolo. Non ci abbiamo mai pensato. O forse sì, ma è un’idea che abbiamo subito accantonato. Abbagliati da «Jack, sto volando!», «Jack, you jump I jump», «Jack, ti amo da morire» (di naufragio). Il disegno erotico, le fughe tra i macchinari fumanti, il segreto adamantino. Ci siamo indignati per i ricchi che gozzovigliavano sulla testa dei poveri, invidiando il loro sfarzo artistoide benché cieco e colposo, prima di rimanere sgomenti davanti alla tecnica che falla e fa strage nell’abisso.

Ma non abbiamo mai considerato davvero che quel magniloquente, memorabile, commovente, impasto di melò e catastrofe che è Titanic, oggi come ventisei anni facult ed essenza del cinema, quindi del Novecentoè opera oceanica, di acqua, sull’acqua. Per ambizioni, successo, divi, budget, durata, portata, ambientazione, approdo. Oltre gli Oscar, i ricci fulvi e il ciuffo platino degli amanti, s’impone sempre l’Atlantico. Assoluto e imperioso. Protagonista perché pretesto, cuore, alfa, omega, metafora, sineddoche, paradiso, culla e cimitero del film. Non a caso, la prima immagine dopo i titoli di testa è la folla sul molo di Liverpool che saluta il capodoglio d’acciaio.

È subito l’Acqua che asseconda e poi scherza la tecnica. Si solidifica, si ghiaccia, si innalza e ghiaccia ancora, per sempre, la folla. È l’Acqua che «sale dalle scale, sale senza sale, sale. Acqua che […] che affonda terra e ponte». Dall’alluvione genovese di De André a quella del 1912 secondo Cameron: cambiando l’ordine degli addendi, la catastrofe non cambia.

Perché in Titanic l’Oceano di Cameron è in alto e in basso. Visibile e sommerso; è potenza e atto. Getta alla vita e rovescia alla morte. Cuce continenti, separa plebei e patrizi nei dislivelli fatti a scale, ma li accomuna nella sorte tragica; è per il mare che il disegnatore di terza classe e l’aristocratica infelice si incontrano, è per il mare che s’impigliano a un passo dall’abisso, sul parapetto infinito del nulla, «a distanza di braccio, a distanza di offesa». Abisso, superficie o cielo: è il naufragio che fa il naufrago; è l’Atlantico, non il denaro, che fa Jack e Rose.

Se Titanic è un film sull’impermanenza del ricordo, sulla permeabilità della memoria, sulla persistenza del sentimento oltre il lutto, è grazie al mare. Lì dove s’incaglia la presunzione di dominio dell’Occidente sulla Natura. Lì dove gli amanti scorrazzano, graffiano il cielo mani al vento, scrutano un nuovo orizzonte possibile, scompaginano le rigidezze di classe, smascherano tabù di una società ingessata e opportunista. Se la Terra è il regno del possibile, l’Atlantico ne è l’inafferrabile estensione visiva, la premessa di attuazione o distruzione. Il piroscafo che si spezza è sintesi e tomba di un’umanità smembrata, indifferente l’un l’altra, ma ammassata senza distinzioni nell’imminenza del tragico. 

Perché la tecnica che naufraga nella strapotenza sorniona del mare è il grande simbolo, il monito per la nostra intelligenza ora artificiale, centoventicinque anni fa industriale, in perenne gara con la Natura. La nave che neanche Dio poteva affondare affonda per la boria dell’uomo isolato nell’infinito dell’Oceano. E il naufragar non m’è dolce in questo mare. Oggi come nel 1912.

Articoli correlati

L’acqua come diritto fondamentale

L’acqua è un bene essenziale per la vita umana: nonostante ciò, il diritto al suo accesso è stato riconosciuto a livello sovranazionale solo di recente

L’acqua come arma e risorsa nella politica internazionale

Nonostante sia riconosciuta a livello internazionale come la risorsa fondamentale per garantire la vita, spesso l’acqua è utilizzata come arma nella politica internazionale

I figli degli uomini (di Cuarón) nel 2027 non ci saranno più

Quando I figli degli uomini fu presentato a Venezia, nel 2006, fu molto criticato. Neanche un ventennio dopo, però, l'apocalisse secondo Cuarón è già qui.

Israele e l’agricoltura impossibile nel Negev

Nella zona a cavallo tra Israele e Palestina, scarsità d’acqua e ambiente ostile sono stati vinti dall’innovazione dell’uomo per sviluppare il settore agricolo

I reati ambientali

I reati ambientali sono molto diffusi e strettamente correlati da un lato con la malavita e dall’altro con lo sviluppo industriale. Nell’ordinamento italiano, ne sono stati introdotti diversi per tentare di arginare un problema grave e sottovalutato

Iscriviti a Rifrazione, la nostra newsletter

Mensile, breve, colorata. La nostra newsletter è pensata per essere poco invasiva e tenerti aggiornato sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori, una volta al mese