0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

L’acqua come diritto fondamentale

L’acqua è un bene essenziale per la vita umana: nonostante ciò, il diritto al suo accesso è stato riconosciuto a livello sovranazionale solo di recente

Seppur fondamentale e necessaria alla vita dell’uomo, l’acqua non è mai stata oggetto di specifica tutela, almeno fino a tempi recenti. Il diritto all’acqua, che deve intendersi come diritto basilare ad avere accesso all’acqua dolce, è stato previsto come diritto umano fondamentale solamente nel 2010, quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 64/292.

I diritti fondamentali dell’uomo sono quell’insieme di diritti, comuni a tutti gli esseri umani, che trovano specifica tutela, oltre che a livello nazionale, anche nell’ordinamento internazionale. Questi particolari diritti si caratterizzano per essere inviolabili, indisponibili e universali e, appunto, fondamentali allo sviluppo e alla sopravvivenza umana.

I diritti fondamentali si distinguono, a seconda di quando sono stati storicamente riconosciuti, in diritti politici, fra i quali rientrano il diritto alla libertà e alla vita, diritti economici, che comprendono, invece, il diritto all’istruzione e alla sicurezza e, infine, diritti della terza generazione. Rientrano in quest’ultima categoria i diritti all’ambiente e alla salubrità dello stesso. 

L’attuazione concreta della garanzia del diritto all’acqua, sia essa potabile o per i servizi igienico-sanitari, è stata rimessa alla responsabilità discrezionale e alla libera iniziativa degli Stati, dato il carattere non vincolante delle risoluzioni. Sebbene molti Paesi abbiano introdotto il diritto all’acqua nelle proprie legislazioni, prevedendo il diritto ai servizi idrici e qualificando l’acqua come bene comune o come servizio pubblico garantito, non c’è ancora una tutela diretta, come potrebbe essere quella data da un trattato o da un protocollo. Il singolo cittadino o la comunità, al momento, non ha quindi uno strumento diretto, un organo di vigilanza o un giudice a cui rivolgersi per far valere il proprio diritto fondamentale all’acqua o per difendersi da eventuali soprusi.

acqua diritto fondamentale
Woman with water bottle in pocket. Free public domain CC0 photo. More: Original public domain image from Flickr

Va tenuto conto che il diritto all’acqua potabile si pone, quindi, come un diritto “nuovo”, rientrando fra quelli di terza generazione in un momento storico in cui già si inizia a parlare di quelli della quarta. La Costituzione italiana non vi fa alcun riferimento esplicito, ma è sufficiente pensare all’epoca storica della redazione della Carta costituzionale per comprendere che l’acqua non era ancora vista come risorsa preziosa, essenziale ed esauribile ma, piuttosto, come parte integrante della vita dell’uomo, un po’ come lo è l’aria.

Ma è proprio questo il punto focale: l’acqua è vita o, meglio, ne è presupposto essenziale. Il diritto all’acqua allora diviene diritto fondamentale dell’uomo costituendo un’estensione naturale del più ampio diritto alla vita. In futuro, è auspicabile un intervento più pregnante anche, se necessario, tramite revisione costituzionale o un intervento sovranazionale vincolante che, per sua natura, avrebbe diretta applicazione anche nei singoli ordinamenti interni.

Articoli correlati

Helmut racconta: l’acqua pesante, fonte (certa?) di distruzione

Helmut racconta è la rubrica di Prismag sul mondo storico-militare

I reati ambientali

I reati ambientali sono molto diffusi e strettamente correlati da un lato con la malavita e dall’altro con lo sviluppo industriale. Nell’ordinamento italiano, ne sono stati introdotti diversi per tentare di arginare un problema grave e sottovalutato

2 | Sull’acqua

L'editoriale di presentazione del secondo numero di Prismag e una selezione di articoli sfogliabili. La versione completa è disponibile per gli abbonati

L’acqua come arma e risorsa nella politica internazionale

Nonostante sia riconosciuta a livello internazionale come la risorsa fondamentale per garantire la vita, spesso l’acqua è utilizzata come arma nella politica internazionale

Costruire la pace attraverso la guerra? Senzatomica disarma

Cittadinanza globale, interconnessione, sicurezza umana. Questi sono i cardini della mostra Senzatomica, inaugurata a Brescia il 24 novembre, promossa da Ican e finanziata grazie ai fondi Otto per Mille dell'Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai.

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!