0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

La transfobia delle Olimpiadi di Parigi 2024

I Giochi di Parigi 2024 sono stati travolti da un’ondata transfobica ancora prima di cominciare; il Comitato olimpico ha davanti a sé scelte che non potrà più rimandare

Lo slogan dei Giochi di Parigi 2024 è «Games wide open»: giochi aperti, giochi rivoluzionari, ma non troppo. L’esclusione delle atlete trans dalle Olimpiadi è un argomento delicato che infervora i commenti sui social e riduce la discussione a cori da stadio.

L’identità di genere è ancora oggi un tema controverso, su cui si scornano evidenze scientifiche con ideologie, ma che, soprattutto, porta a nudo la paura della diversità. Nello specifico dei Giochi olimpici, la paura è che le atlete trans siano troppo forti rispetto a quelle cis e che, quindi, vincerebbero tutte le competizioni.

Laurel Hubbard, però, non ha vinto l’oro a Tokyo 2020; anzi, non è riuscita a completare nessun sollevamento valido. Hubbard è una donna trans con livelli di testosterone sotto la soglia e per questo motivo non era stata esclusa dai Giochi. Al contrario, Christine Mboma non ha potuto partecipare ai 400 metri, pur essendo donna cisgender, perché aveva livelli di testosterone troppo alti. Anche Beatrice Masilingi è stata esclusa per lo stesso motivo. Mboma ha vinto l’argento nei 200 metri piani, mentre Masilingi è arrivata sesta.

Atlete trans escluse (e non) dalle Olimpiadi

Nel 2022, in seguito a una vittoria di Lia Thomas, nuotatrice transgender, in una competizione di nuoto universitaria, la World Aquatics (prima conosciuta come Federazione internazionale di nuoto) ha introdotto un nuovo regolamento. Vi si trova scritto che può gareggiare nelle discipline femminili di nuoto solo chi non ha mai attraversato la pubertà maschile. Per queste ragioni, il 12 giugno Thomas è stata esclusa e non potrà partecipare a Parigi 2024.

La causa di Lia Thomas contro World Aquatics: clicca per leggere l’approfondimento

A seguito della sua esclusione dal gareggiare in competizioni di alto livello nelle categorie femminili, Lia Thomas ha fatto causa alla World Aquatics presso il tribunale arbitrale dello sport. Secondo Thomas, le disposizioni erano non solo «invalid and illegal», ma anche discriminatorie nei suoi confronti. Il 12 giugno 2024 il panel ha archiviato il caso, senza entrare nel merito, con questa motivazione: dal momento che Thomas non ha il diritto di partecipare alle competizioni di alto livello statunitensi, non è nemmeno idonea, semplicemente, a partecipare alle competizioni di World Aquatics.

Un’altra considerazione riguarda gli uomini trans. Chris Mosier è un uomo trans ed è due volte campione nazionale di marcia per gli Stati Uniti. Ha partecipato ai Giochi di Tokyo, dai quali si è ritirato per un infortunio, e nel 2023 ha vinto nella sua categoria ai National Championship statunitensi di duathlon. Se si ritiene che le donne trans siano avvantaggiate rispetto alle donne cis, allora è vero anche che gli uomini cis hanno un vantaggio rispetto agli uomini trans. Mosier, però, vince. Contro uomini cis. Dovrebbero vietare anche a Mosier di partecipare ai Giochi in futuro? E come regolarsi per le persone intersex? O non binarie?

La proposta di creare una categoria speciale non è implementabile non solo per via del numero molto basso delle persone che vi avrebbe accesso, ma anche per questioni di inclusività. O meglio, di reclusione.

Forse è arrivato il momento di rivedere le categorie sportive e non suddividerle più secondo un binarismo maschio/femmina, ma avere un approccio preso in prestito dal codice per gli sport per disabili. Si potrebbero tenere in considerazione tutti i fattori fisiologici e metabolici che influiscono sulla funzione atletica (altezza, peso, livelli di testosterone, struttura muscolare e scheletrica, sistema cardiorespiratorio) e applicarli a tutte le persone, siano esse cis, trans, intersex o enby, in tutte le competizioni sportive.

Classificazione funzionale, non medica: clicca per leggere l’approfondimento

L’università di Otago, a Dunedin (Aotearoa), in un articolo del 2019 ha proposto di passare dal binarismo di genere a un algoritmo sofisticato per determinare le categorie delle competizioni. Così facendo si soddisferebbero i requisiti di inclusività e imparzialità: non si escluderebbero dalle competizioni atlete meritevoli e si eviterebbe di fare favoritismi, nell’una o nell’altra direzione. La segregazione sessuale è contraria allo spirito che ha sempre animato lo spirito olimpico e lo sport in generale. Passare da un sistema di classificazione medica a uno sulle abilità funzionali, che consideri i numerosi tratti specifici delle persone, risolverebbe questo problema. È un sistema già adottato per lo sport per i disabili, che si tratterebbe di adattare per i corpi non disabili.

I Giochi di Parigi 2024 vogliono essere quelli più aperti e inclusivi di sempre, soprattutto per quanto riguarda le discriminazioni. Perché questo accada, il Comitato olimpico internazionale dovrebbe assumere una linea più decisa e non lasciare che le singole federazioni stabiliscano i requisiti di partecipazione.

Articoli correlati

Il primo boicottaggio degli ultimi

Nel 1978, il mezzofondista keniota Henry Rono stabilì quattro record mondiali in soli 81 giorni. Vinse ai Giochi del Commonwealth e ai giochi panafricani, ma non partecipò mai alle Olimpiadi a causa del primo boicottaggio africano. La sua storia è un viaggio nel mondo dello sport e della politica

I Giochi Olimpici e il potere sociale dello sport

La discriminazione razziale delle prime edizioni, la protesta di Smith e Carlos sul podio di Città del Messico, i boicottaggi e le esclusioni di Germania, Sudafrica e Russia. Le gare femminili sono ammesse da Parigi 1900, ma solo quest’anno si raggiungerà la parità di genere: 5.250 uomini e altrettante donne. Come l’evento sportivo più globale rappresenta la società e la sua ricerca di diritti e di progresso

I conti in tasca. Quanto ci costa l’industria dei mega-eventi

Sperpero di denaro pubblico, sfruttamento del territorio, rischio di corruzione e infiltrazioni criminali. In tutto il mondo l’impatto di Giochi olimpici, Mondiali, Expo si è rivelato insostenibile a livello economico, sociale e ambientale. Allora perché continuare a organizzarli?

Paralimpiadi e abilismo ai Giochi di Parigi

I Giochi olimpici e paralimpici di Parigi 2024 hanno una grande sfida da superare, se vorranno essere davvero aperti e portare il messaggio di inclusione e superamento delle barriere

L’equitazione, uno sport da donne?

L’equitazione è spesso vista come uno sport elegante e femminile, ma più si sale di livello più il campo gara è dominato dagli uomini. Barriere economiche, culturali e sociali influenzano le carriere sportive delle atlete da sempre, ma appaiono ancor più evidenti in uno sport in cui si combatte ad armi pari, nelle stesse discipline e categorie

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!