0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

0,00 €

Nessun prodotto nel carrello.

La Cina e l’acqua: come “estendere” il territorio

Da anni la Repubblica popolare sta intraprendendo una guerra silente per estendere il proprio territorio, utilizzando l'acqua come arma contro i Paesi confinanti

Articolo a pagamento

Lo sappiamo: il paywall è odioso.
Ma il nostro giornale vive solo grazie ai suoi lettori.
Per questo alcuni nostri articoli, come questo, sono riservati a chi acquista la nostra rivista e si abbona. Diamo ai nostri abbonati la rivista completa, con notizie originali e fonti e voci esclusive.
Cerchiamo di essere più indipendenti possibili perché crediamo che solo così possiamo garantire ai lettori un'informazione priva di condizionamenti.
Se anche tu credi nella nostra missione, unisciti a noi acquistando una copia o abbonandoti al progetto!

Se hai già acquistato il numero o una collezione, accedi qui.

Articoli correlati

Venezia e l’acqua: quale futuro?

Venezia e l’acqua: è ancora possibile questa convivenza nel futuro? Ne abbiamo parlato con chi ha la Serenissima nel cuore

La variabile demografica nella sfida tra le grandi potenze

Gli Stati Uniti, grazie all’immigrazione, restano in vetta, mentre la Cina invecchia rapidamente. L’India è il Paese più popoloso, ma la povertà e le infrastrutture ne limitano il potenziale

Alimentazione vegetale, tra acqua e ‘carne’ della discordia

Il divieto sulla carne coltivata avvantaggia gli allevatori ma condanna il territorio a uno spreco irreversibile di risorse idriche. Esiste una soluzione? Ne abbiamo parlato con Emanuele Zannini, biologo alimentare e professore universitario

Semi conduttori e oltre: la lotta per le materie prime

Stati Uniti e Cina sono in guerra per le tecnologie strategiche. La Cina è dipendente dagli Stati Uniti per i semiconduttori di alta gamma, mentre è il principale produttore e raffinatore mondiale di terre rare, di cui gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno estremo bisogno per la transizione energetica

I giovani nel Tigray: una generazione invisibile

Violenza, fame e insicurezza hanno colpito duramente l’Etiopia. Il conflitto che ha dilaniato il Paese africano ha generato distruzione, lasciando cicatrici profonde nelle vite delle giovani generazioni come dimostrato dal progetto Youbg Lives condotto dall’Università di Oxford

Prismag è molto più di un mensile

Settimanale, colorata, esclusiva. La nostra newsletter, Rifrazione, ti offre una storia extra e gratuita ogni domenica e ti aggiorna sulle nostre iniziative e uscite. Iscriviti e... ne leggerai di tutti i colori!